Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Vertigini
Alliance Dermatite

Benefici dell'esercizio fisico sulla funzionalità epatica tra gli uomini con steatosi epatica non-alcolica


L'esercizio fisico fornisce notevoli benefici, indipendentemente dalla perdita di peso, nei pazienti con steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ).

In uno studio retrospettivo, 83 pazienti maschi con obesità hanno partecipato a esercizi aerobici ( n = 54 ) o a restrizioni dietetiche ( n = 29 ) per indurre la perdita di peso per un periodo di 3 mesi.

I ricercatori hanno analizzato i cambiamenti nei parametri epatici e hanno confrontato gli effetti dell'esercizio fisico sui singoli tessuti ( fegato, tessuto adiposo e muscolo scheletrico ).

Indipendentemente dalla perdita di peso, l'esercizio fisico ha ridotto la steatosi epatica del 9.5% e la rigidità epatica del 6.8%, con una riduzione del 16.4% nei punteggi Fibroscan-AST.

Inoltre, l'esercizio fisico ha aumentato la forza muscolare dell'11.6% riducendo al contempo l'infiammazione e lo stress ossidativo ( ferritina: –22.3%; acido tiobarbiturico: –12.3% ).

E' stato notato che l'esercizio ad alta intensità riduce ulteriormente la steatosi epatica e migliora le attività degli enzimi epatici e i profili delle organochine ( selenoproteina-P: -11.2%, follistatina: + 17.1%, adiponectina: + 8.9% e miostatina: -21.6% ).

Inoltre, l'espressione dei geni bersaglio del fattore di trascrizione Nrf2, un sensore di stress ossidativo, è risultata più alta nei monociti, suggerendo che Nrf2 è attivato.

In conclusione, i benefici dell'esercizio fisico indipendenti dalla perdita di peso includono effetti anti-steatotici e anti-rigidità a livello epatico dei pazienti con steatosi epatica non-alcolica.
Questi benefici sono caratterizzati da miglioramenti nello squilibrio delle organochine e da riduzioni dell'infiammazione e dello stress ossidativo. ( Xagena2021 )

Fonte: JHEP Reports, 2021

Gastro2021



Indietro